Glossario della stampa digitale

Per rendere la tua esperienza di stampa digitale online la migliore possibile, abbiamo redatto questo piccolo glossario.

Il “Glossario stampa digitale” verrà man mano implementato sulla base delle vostre domande più frequenti. Buona consultazione!

Per quanto riguarda le abbondanze consigliamo la lettura di questo post esemplificativo
Rilegatura per libri e brochure con minimo dorso di 2/3 millimetri. Nella stampa digitale, il prodotto viene gestito a pagine stampate singolarmente, raccolte e incollate ad una copertina in cartoncino. Se la fogliazione fosse molto alta, è consigliabile utilizzare colla PUR, che ne garantisce tenuta impeccabile.

La brossura può essere anche a filo refe: le segnature, gestite a 16mi, vengono cucite al centro con un filo di cotone o sintetico e poi incollate. Più elegante, garantisce ottima tenuta del blocco libro; richiede tempi più lunghi; si adatta a volumi con elevata fogliazione per tirature medio alte.

Segni grafici che indicano allo stampatore la linea di taglio dove effettuare la rifilatura (vedi: rifilo)
Lavorazione grazie alla quale, tramite l’utilizzo di fustella ad hoc, viene riprodotta su carta e cartoncino una particolare sagoma, che non sia gestibile con il solo rifilo (per es. circolare, ovale, con fori, tagli obliqui, alette…).

Sul nostro plotter a solvente alta qualità è possibile realizzare su PVC adesivo monomerico bianco prodotti stampati già sagomati, forniti fincati in resa su fogli di dimensione variabile, senza realizzazione di nuova fustella, nè passaggio di fustellatura.

Le carte disponibili in gamma digitale vanno da 80 a 350 grammi. Se il prodotto deve essere particolarmente consistente, preferire la patinata nella variante opaca piuttosto che lucida.
Impaginazione necessaria alla stampa di un file, con relativa collocazione dei testi e vari elementi grafici.
Film che riveste il prodotto cartaceo, utilizzato a protezione del colore o per impreziosirlo. E’ possibile selezionarla nella variante opaca, più raffinata, oppure lucida per un prodotto più tecnico. Abitualmente consigliata come valore aggiunto, diventa tassativa in caso di fondi pieni di colore
La stampa digitale avviene utilizzando i 4 colori CMYK (Cyan, Magenta, Yellow, Key black).
Passaggio del prodotto in taglierina per renderlo nel formato finito.

 

 

"I marchi citati, i loghi e le immagini a questi relative appartengono ai legittimi proprietari e sono citati al solo scopo esemplificativo, non commerciale. Non hanno alcuna relazione, se non diversamente specificato, con Melastampi – Andersen S.p.A. (Leggi tutto il Disclaimer)"